^

Five di Maurizio Ceccarelli

EVM

EVM

I benefici muscolari e neurologici dell’energia vibratoria sono ormai noti da tempo e la sua corretta applicazione comporta aumento di potenza (muscolare), miglioramento propriocettivo ed efficace riabilitazione post-operatoria.
Le vibrazioni, infatti, anche se di piccola ampiezza, vengono lette dai recettori nervosi muscolari e cutanei e inviate al sistema nervoso centrale, attivando un meccanismo fisiologico atto a migliorare le funzione cognitive e propriocettive, anche a settimane di distanza dal trattamento. Tale energia vibratoria non è invasiva ed è di semplice applicazione.


L’EVM opera alternando rapidamente presisone e depressione dell’aria andando da 20 a 300 Hz. La fase di pressione imprime una leggera forza sul tessuto andando in profondità. La fase di depressione “aspira” il tessuto forzandolo in modo repentino verso l’alto: in questo modo di crea alternanza fra i tessuto compresso e tessuto espanso (o rialzato). Lo stimolo vibratorio “chiude” il cancello spinale allo stimolo del dolore, permettendo il controllo della risposta rapida dal dolore mediata dalla mancanza di endorfina.